sabato 23 febbraio 2013

Piccolo diario da Cambogia e Thailandia/Small diary from Cambodia and Thailand

Thai fresh fish dishes and the staff of Chowlay Seafood Restaurant in Koh Chang
Last week I focused my post on one place and I have not told a lot of my journey that still continues. 
Before arriving in Cambodia, I spent a few days in Thailand, where I had a wonderful two-day and a half trek in the jungle of the National Park of Khao Yai. I like to walk and in general I like the adventure (thanks to my Boy Scout past) and for me they were fantastic days!Obviously, during these days, the food was not the main element of my attention, but at the guest house - Bobby's Apartment and Jungle Tours - where I stayed before and after the trek, the food was delicious! 

The wonderful jungle of Khao Yai

In Cambodia, I visited the famous and unique temples of Angkor and Kampong Pluk, a fishermen village, most of whom live on high stilts, connected by bridges also suspended between mangrove forests which, in the rainy season, disappear under meters of water. The thrill here is not missed when we went on a very small, old and fragile little boat for a ride between pots and other fishing nets at the mouth of the river. Johnny, my boyfriend is a little heavy, so much that the first boat must, as soon as it rose, it was lowered to the surface of the water and we had to change it. On the second boat, I asked him to remain absolutely still.... 

Kampong Pluck village

After 5 days, we returned back to Thailand to go to the island of Koh Chang, in another, but very different, fishing village, Bang Bao. 
Here we spent 5 nights in a traditional floating house and I felt in love with this house; the feeling of being suspended over the water, which could be seen from the lists of the wooden floor; the atmosphere of the whole village that was developed floating on both sides of the pier, then form other side piers and jetties.Here we made some great meals of fresh fish at the Chowlay Seafood Restaurant: grilled mix, delicious crab fritters served with plum sauce, prawns in tamarind sauce, rice with crab, scalops and  tiger prawns!! 

The relaxing patio and the pier of our floating house

Now we have moved a little further south, in the tropical island of Koh Mak. It is very different from Koh Chang: this is big enough and invaded by the jungle, with the exception of the coast, Koh Mak is small and flat for the most part cultivated with coconut trees. From the culinary point of view, however, there is no difference: tropical fruit - watermelon what a invention! - and freshly caught fish. 
Over a small pier, also a patisserie, Moo Sweet Cake, where you can find delicious single portion of cheese cake with passion fruit, pineapple, coconut, banana ... 
The connection here is what it is and sorry if I'm not visiting  your blogs, but I will keep you updated and if you want to see more pictures or information from me, you can look at my page on fb or instagram (those are faster and easier means than a post on Blogger!).

Our beach in Koh Mak

Settimana scorsa mi sono concentrata su un solo posto e non vi ho raccontato molto del mio viaggio che ancora continua.
Prima di arrivare in Cambogia ho passato qualche giorno in Thailandia, dove ho fatto un bellissimo trekking di due giorni e mezzo nella jungla del parco nazionale di Khao Yai. Mi piace camminare e in generale mi piace l'avventura (merito di un passato da boy scout) e per me sono stati giorni fantastici!

Ovviamente, durante questi giorni, il cibo non è stato l'elemento principale delle mie attenzioni, ma alla guest house dove ho dormito prima e dopo il trekking - Bobby's Apartment and Jungle Tours - la cucina era buonissima!

Parco nazionale di Khao Yai

In Cambogia ho visitato i famosi e unici templi di Angkor e anche Kampong Pluk, un villaggio di pescatori, la maggior parte dei quali vive su palafitte altissime, collegate da ponti anch'essi sospesi altissimi tra foreste di mangrovie che, nella stagione delle piogge, scompaiono sotto metri di acqua. Il brivido qui non è mancato quando siamo saliti su una piccolissima, vecchia e fragile barchettina per fare un giro tra le nasse e le altre reti di pescatori alla foce del fiume. Johnny, il mio fidanzato, è un poco pesante, tant'è che la prima barchettina, non appena è salito, si è abbassata fino al pelo dell'acqua e ce l'hanno fatta cambiare. Sulla seconda, l'ho pregato di rimanere assolutamente immobile....

Bayon Temple, Angkor

Ta Phrom Temple, Angkor

Dopo 5 giorni, siamo tornati di nuovo in Tailandia per andare all'isola di Koh Chang, in un altro, ma differentissimo, villaggio di pescatori, Bang Bao.
Qui abbiamo passato 5 notti in una tradizionale casa galleggiante e io mi sono innamorata di questa casa; della sensazione di vivere sospesa sull'acqua, che si intravedeva tra una lista e l'altra del pavimento di legno; dell'atmosfera di tutto il villaggio che si sviluppava galleggiante su entrambi i lati del molo principale, formando poi altri pontili e moli laterali.
A Bang Bao ci siamo fatti delle grandi scorpacciate di pesce freschissimo al Chowlay Seafood Restaurant: grigliate miste, golose frittelle di granchio servite con salsa di prugne, gamberi in salsa al tamarindo, riso con granchi!!!!


Sul molo di Bang Bao guardando le aquile

Adesso ci siamo spostati poco più a sud, nella tropicale isola di Koh Mak.
E’ molto differente da Koh Chang: questa è abbastanza grande e invasa dalla jungla, fatta eccezione per la costa; Koh Mak è piccola e piatta per lo più coltivata a palme da cocco. Dal punto di vista gastronomico, invece, non c'è differenza: frutta tropicale - che invenzione l'anguria! - e pesce appena pescato.
Sopra ad un piccolo molo, anche una pasticceria, Moo Sweet Cake, dove si possono trovare buonissime cheese cake mono porzione al passion fruit, ananas, cocco, banana...



Un angolo della nostra casa galleggiante a Bang Bao

La connessione qui è quella che è e scusatemi se non riesco a visitare tutti i vostri blog, ma vi terrò aggiornati e se volete vedere altre immagini o notizie da parte mia, potete guardare la mia pagina su fb o su instagram (sono mezzi più immediati e veloci di un post su Blogger!). A presto!
 

18 commenti:

  1. Mamma mia che viaggio spettacolare! Complimenti per lo spirito d'avventura! Bellissime foto! :)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Thank you for taking us along on such a relaxing and beautiful holiday my friend :D
    The beaches, shopping, food - the fun!

    Cheers
    CCU

    RispondiElimina
  3. Grazie amore della bellissima avventura!!!

    RispondiElimina
  4. What an amazing trip you've been on - I'm so jealous! :) Gorgeous photos - thanks for sharing! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks to you, Jen, for stopping by!!

      Elimina
  5. Ciao, che splendido viaggio, che esperienza incredibile....vi "invidio" tantissimo, buona continuazione e mi raccomando tante foto!!!
    Grazie per il bel commento a Birba.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il commento a Birba era veramente sentito, mi fa piacere che tu lo abbia capito!

      Elimina
  6. Queste sono esperienze che segnano davvero.
    Posti meravigliosi così diversi da casa nostra.
    Grazie di avermi portato con te attraverso i racconti e le foto.
    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a Te Babe, vi racconterò ancora...

      Elimina
  7. Grazie per aver condiviso con noi queste meravigliose foto.
    Mi hai fatto sentire parte di questo viaggio.
    A presto e grazie di essere passata sul mio blog.
    Incoronata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la visita e per il bel commento!

      Elimina
  8. che bellezza! dai villaggidei pescatori alla casa galleggiante, dai dolci al riso con granchi! bello tutto meraviglioso e da fare un po' invidia :) ciao carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vicky, capisco l'invidia... :)

      Elimina
  9. magnifico! Io amo l'Asia come me stessa, quest'anno spero di andare in Myanmar, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti auguro di poter fare il tuo bellissimo viaggio, il Myannmar deve essere molto interessante e da poco aperto al turismo...

      Elimina